Società segrete

Da qualche giorno sto leggendo un saggio di Roberto Paura: “Società segrete. Poteri occulti e complotti”. Riporto alcune parole dell’autore prima di esprimere il mio parere a tal riguardo.
“Qual’è l’idea piu’ pericolosa del mondo? Per Roberto Paura, il sato di livello compiuto dalla mentalità complottist si candida, se non a esserla, quanto meno a produrla. Il libro ricostruisce cosi i principali elementi del cospirazionismo contemporaneo, studiando le principali teorie sulle società segrete e del complotto dell’epoca moderna, la loro genealogia storica, le motivazioni sociali e politiche delle loro tortuose traiettorie, fino alla meta-teoria divenuta un culto quasi religioso di QAnon. Dall’idea del Nuovo Ordine Mondiale alle fake news sui vaccini, dagli Illuminati ai meme su Internet, dal gruppo Bildeberg alle teorie sulel logge sataniche, dall’eresia catara alal New Age, da Matrix a Donald Trump, l’autore dipana la matassa del tempo e dello spazio per analizzare in chiave culturale i diversi aspeti di questo fenomeno, affrontando da una prospettiva inedita l’immaginario, le narrazion e i protagonisti da cui trae origine.”
Le società segrete ed occulte oramai non fanno più parte di uno scenario fuori dal comune e lontano dagli stereotipi buonisti e perbenisti della nostra epoca. ma sono parte integrante di questo mondo. Le grandi corporazioni e le fratellanze agiscono nell’ombra ma ottengono evidenti risultati alla luce del sole grazie ai governi che ospitano dentro al loro guscio protettivo. Le società segrete erano organizzazioni clandestine, fortemente gerarchizzate, che agivano per preparare insurrezioni liberali e democratiche, basta parlare della carboneria che nel XVII secolo aveva poteri forti e poi la massoneria che si diffuse dal 1730, a Roma, a Firenze, a Venezia, a Milano e in altre città ancora. Ma in Italia, e in generale nei paesi cattolici, la Massoneria dovette affrontare l’avversione della Chiesa, che non ammetteva deviazione dai suoi dogmi e fulminò contro la società una serie di scomuniche periodicamente rinnovate. Oggi le stesse società segrete hanno mantenuto l’ossatura storica ma con finalità per niente patriottiche e con progetti molto più aggressivi ed invasivi: manipolazione mediatica, legislazioni occulte e finanziamenti ai partiti politici ed alle istituzioni. Credo che le società segrete diventeranno sempre meno segrete dentro ad uno scenario futuristico di media-lunga distanza e ci vedremo costretti camminare insieme che lo vogliamo o meno. La parte più difficile deve ancora arrivare e non sarà facile uscirne.